FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Magazine di Approfondimento Politico

Facciamo cambio: 5 polli a Pomigliano e il reddito di cittadinanza a Rawalpindi

Piccoli populismi crescono, si potrebbe dire.

Mentre in Italia impazza il toto reddito di cittadinanza (una forma arcaica e poco evoluta di bieco assistenzialismo, humus naturale di crescita del voto di scambio) in Pakistan vogliono dimostrare di non essere secondi a nessuno.

Tantomeno ad un vice premier campano che ha sempre più l’aria del dilettante allo sbaraglio.

Pare proprio che qualcuno degli economisti di riferimento della galassia pentastellata sia riuscito ad arrivare in quella remota ed inquieta area orientale e abbia ovviamente fatto scuola.

A fine novembre Il Primo Ministro Imran Khan, a sorpresa, nell’ambito di una cerimonia presso il Convention Center di Islamabad, parlando delle proposte del proprio governo nei suoi primi 100 giorni, ha affermato che con l’aiuto del pollame, la povertà potra’ essere sradicata dal Pakistan.

Proprio così: il salvifico pollame.

La premessa è semplice: fornire cinque galline e un gallo a diverse milioni di famiglie povere, in particolare donne rurali, in modo che possano guadagnare reddito a casa vendendo uova. Geniale a dir poco!

Il passaggio dal pollame ad un bonifico in fin dei conti è quasi naturale. Anche se non c’è dubbio che il metodo pakistano rischi di apparire molto meno diseducativo rispetto a quello italico della “rendita di cittadinanza”. Peraltro il percorso assicurato dal governo si presenta virtuoso. Un vero ciclo economico con poche concessioni ai vezzi occidentali in materia di sicurezza alimentare e produzioni biologiche. Addirittura la crescita dei polli potrà essere legittimamente drogata. Anzi pare sarà proprio lo stato a garantire la somministrazione dei farmaci destinati alle iniezioni per allevare i polli più velocemente.

Garantisce  lo stato. Qualcuno si è addirittura Scomodato a dire che la proposta ricalchi sostanzialmente quanto Il cofondatore di Microsoft Bill Gates abbia proposto sul proprio blog personale.

Nel frattempo alla televisione di stato vengono trasmesse immagini in arrivo da RAWALPINDI dove Il grido acuto di un migliaio di pulcini appena nati fa da coreografia ad un rito macabro ma efficace. I tecnici li estraggono dai vassoi di incubazione, iniettano loro un vaccino contro la malattia di Newcastle, scartano quelli con deformità e gettano il resto in contenitori di plastica, nei quali viaggeranno con camion riscaldati verso le fattorie governative dove verranno allevati fino all’età adulta per poi essere ceduti. Il tutto si ripete due volte a settimana presso il centro di ricerca avicola nella provincia del Punjab, è il primo passo del programma nazionale contro la povertà annunciato il 29 novembre dal primo ministro.

Il Pakistan sta attraversando una colossale crisi economica, con la rupia che precipita contro il dollaro e il suo debito estero che lievita senza controllo. Khan, che da moderno sovranista orientale ha giurato come candidato che non sarebbe mai andato a chiedere l’elemosina all’estero, è già stato obbligato a prendere in prestito miliardi dall’Arabia Saudita (e non solo) e a negoziare per l’alleggerimento del debito dal Fondo Monetario internazionale.

Una situazione simile a quella Italiana senza nemmeno avere il vantaggio del cappello dell’Euro. In fin dei conti ci sono molte inquietanti analogie. Anche la in tanti vorrebbero campare senza lavorare e volete che non si trovi un politico disposto ad assecondare tale ambizione? Ma uno stipendio gratis senza nulla in cambio da nessuna parte al mondo viene garantito. Tranne forse presto in Italia. Nel resto del mondo, anche in quello poco evoluto, ti chiedono di fare un piccolo sforzo. Ti regalano 5 galline e un gallo e si raccomandano di mangiare le uova e lasciar vivere le galline. Facendo un minimo sforzo. Accudendo alla loro salute e alla crescita. Un minimo impegno che solo in Italia non viene richiesto. Troppo sforzo anche quello. Varrebbe proprio la pena di chiedersi : meglio un uovo oggi o una gallina domani? Sono sicuro che qualcuno risponderebbe: meglio un assegno. Si sa mai…..

Imprenditore, classe 1968. Per 25 anni impegnato a vari livelli in politica sempre nelle fila della Lega Nord. Dal 1993 al 2002 è sindaco di Pomponesco (Mantova), nel 1996 entra a far parte del Direttivo regionale dell’Anci Lombardia. Nel biennio 1996-1997 Fava è presidente del Consorzio per la depurazione idrica casalasco-viadanese. Per molti anni e’ stato membro elettivo di Upl (Unione provincie lombarde). Dal 2002 al 2007 consigliere comunale a Pomponesco e dal 2009 al 2014 consigliere comunale a Sabbioneta. Dal 2015 al 2018 è stato consigliere comunale a Viadana (città dove attualmente vive). Dal 1997 al 2012 è stato consigliere della Provincia di Mantova e deputato al Parlamento in tre Legislature. Nella XV Legislatura è stato membro della Commissione Attività produttive; nella XVI è stato membro delle Commissioni Difesa, Attività produttive, Politiche dell’Unione europea, Affari sociali e della Commissione Bicamerale d’Inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, nonchè Presidente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sulla Contraffazione. Nella XVII eletto di nuovo alla camera dei deputati ha rassegnato le dimissioni nel maggio 2013 per entrare a far parte della giunta regionale della Lombardia con Presidente Roberto Maroni come assessore all'agricoltura. Appassionato di politica, economia e di sport nel novembre 2018 ha scelto di abbandonare le cariche elettive e la politica attiva in campo istituzionale per dedicarsi alla propria attività imprenditoriale a tempo pieno.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi