FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Approfondimento Politico

Lombardia: zona gialla autoproclamata

Quello che il governo della Regione non ha coraggio di fare, per fortuna, ce l’hanno i cittadini.

Certo, abbiamo fatto ricorso, chissà come finirà coi tempi della giustizia italiana: magari dopo due mesi avremo il contentino che dirà che, tutto sommato, non va bene limitare i diritti costituzionali di 10 milioni di cittadini con dati random per ordinanza, ma intanto ci siam fatti il lockdown.

Nel mentre in Sudtirolo hanno sospeso la zona rossa tramite proprie ordinanze e hanno sfidato Roma, ottenendo un tavolo, qui subiamo. Ah, la differenza tra una leadership col partito del territorio e una sheep col partito che va a Mondello a mangiare l’arancino. Ma sorvoliamo.

La cosa che gradisco, onestamente, è vedere i lombardi fregarsene di queste misure: in strada vedo sempre lo stesso quantitativo di auto, i negozi trovano ogni possibile motivo per restare aperti, qualcuno apre con la serranda abbassata dicendo di “fare inventario” ma facendo entrar volentieri qualche cliente, vari bar (anche senza aderire a #ioapro) ti fanno tranquillamente bere il caffè al banco…

Diciamo che se solo i ristoratori si svegliassero fuori in massa e facessero l’ombrello a Giuseppi e a speranza sarebbe meglio, ma ci accontentiamo (anche perché, detto tra noi, quelli che forse perdono di più son gli all you can eat, largamente gestiti dalla comunità cinese, purtroppo abituata alle angherie governative e quindi scarsamente prona alla ribellione).

In ogni caso, qui, questo governo non ha credibilità: nessuno – se non qualche masochista – vuole essere chiuso, senza lavoro e con ristori ridicoli, da un governo senza nemmeno la maggioranza assoluta al Senato e che per non andare sotto ha dovuto andare al Verziere alla bancarella dei parlamentari.

Il governo regionale non si mostra molto migliore quindi i lombardi hanno fatto la cosa più semplice: autoproclamarsi, silenziosamente, non zona rossa.

Perché al primo lockdown, impauriti dal virus nuovo, accettiamo. Al secondo, evitabile, sopportiamo, al terzo, ingiusto, resistiamo. E siamo buoni, ma invincibili.

Avatar
Informatico di giorno, spietato liberista che brama la secessione del Nord di notte. Con la libera circolazione, dato che amo la pizza.