FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Approfondimento Politico

Mentre il Nord combatte per mantenere la baracca a Roma spadroneggiano le sardine. Ecco perché non abbiamo un futuro.

L’ultima da Roma è di un drammatico da fare ridere. Il ministro Boccia, quello che crede in una teoria del complotto da parte del Nord per fare la secessione (e poi dicono dei grillini sciachimisti!) ha deciso di incontrare qualcuno…

I milioni di lombardi e veneti che hanno votato per l’autonomia? I Presidenti di Emilia-Romagna e Piemonte che hanno chiesto l’autonomia?

Le sardine. Seriamente, per il governo italiano un movimento senza capo né coda che ha come unico merito aver fatto casino contro Salvini merita più ascolto di chi vorrebbe lavorare senza tutti i limiti, che non possono essere che definiti pali nel didietro, che lo Stato italiano mette.

E le sardine riescono persino a partorire (analmente, mi sia permesso) l’idea di un Erasmus Nord-Sud!

L’Italia non ha un futuro. Seriamente, gli italiani non fanno più figli – e chi è così idiota da fare figli mentre deve dissanguarsi per pagare l’INPS? -, lo Stato preferisce favorire il fancazzismo che il lavoro, espatriano sia persone competenti sia persone senza particolari competenze che vedono nell’estero l’unica speranza e, in tutto ciò, la politica ha obiettivi completamente sbagliati e che danneggiano il paese, dovuti principalmente all’idea dell’Italia come paese di genio e sregolatezza che può vivere di fama col turismo e vendendo le tagliatelle di Nonna Pina.

E mentre anche il Nord inizia a rallentare – prepariamoci che tra una trentina d’anni Milano farà concorrenza ad Atene e Praga ci avrà sostituti – viene da chiedersi con quali parole il nipote politico di Boccia andrà a Bruxelles a chiedere i soldi europei per il reddito di cittadinanza una volta che Milano sarà come Napoli, nel progetto boccesco (l’ha detta realmente!) di un Nord che si sente Sud.

E gli italiani, che costantemente votano per il peggio del peggio, sono i principali autori del proprio infausto destino.

E l’unica speranza per l’Italia resta l’immigrazione di massa. Almeno gli stranieri hanno voglia di lavorare. Sperando che il governo non li convinca a farsi mantenere.

E a voialtri giovani che leggete, vi prego, se tenete al vostro futuro fate di tutto per espatriare. Non c’è futuro in un paese come questo. Non se avete meno di 30 anni.

Non se restiamo parte di questo errore storico denominato Stato italiano.

Informatico di giorno, spietato liberista che brama la secessione del Nord di notte. Con la libera circolazione, dato che amo la pizza.