FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Approfondimento Politico

Il Decalogo di Piazza Massari tradotto in lombardo

In occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre vi presento il Decalogo di Piazza Massari tradotto in lombardo, con la grafia NOL.

Del Decalogo, programma socio-economico della Lega Lombarda scritto da Giancarlo Pagliarini, ho già parlato qui, commentandolo. Quella che vi offro qui è una traduzione pulita e senza commento.

El Decalegh de Piazza Massari

  1. Metegh un limit al poder de tassà del Stat e di ent locai, cont un tecc massim a la pression fiscala complessiva in la Costituzzion. Inversà i fluss fiscai, toeu via l’intermediazzion del Stat e fà inscì che i Publegh Ministrazzion de ogni Region gh’habien de quatà almanca el 80% di so spese, anca de quej de previdenza. Solidarietà e perequazzion podarann quatà el 20% che ‘l resta domà se i Region che inn jutad di alter trasen no e se evaden no i tasse.
  2. Recognosser in la Costituzzion l’impresa e tutellàlla.
  3. Limità la presenza del Stat in l’economia.
  4. Regolamentà el dirit de sciopero.
  5. Dàgh ai sindacad di oblegh de trasparenza e de rendicuntà.
  6. Tutellà ‘me valor fondamental la professionalità, l’imparzialità e l’independenza de la publega ministrazzion.
  7. Toeu via i limit che gh’è al referendum.
  8. Catà foeura, con gran ciarezza, che ‘l debit publegh el podarà passà ai generazzion che vegnen domà se gh’è di investiment.
  9. Passà, man-e-man, del cioch sistema pensionistegh “a ripartizzion” che ‘l gh’è incoeu a ‘n pussee razzional e responsabel sistema “a capitalizazzion”
  10. Catà foeura in la Costituzzion el principi de l’eguajanza assoluda in tra publegh e privad, che gh’hann de vesser considerad sovran a l’istessa manera. Fà inscì che se in tra de lor gh’è un conflit gram a decider el sibia el popol, cont un referendum. El “primad de la politega” a l’è ‘n ideja falsa, desgià che una società libera e ‘verta l’è semper dualistega e la se ponda in su ‘n assoluda eguajanza in tra privad e publegh.
Avatar
Informatico di giorno, spietato liberista che brama la secessione del Nord di notte. Con la libera circolazione, dato che amo la pizza.