FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Approfondimento Politico

Il virus “Italia” colpisce ancora

«chiarisco che useremo anche un ALGORITMO per utilizzare i 400 milioni aggiuntivi dove c’è più bisogno e dunque erogando una somma maggiore a quelle amministrazioni dove c‘è un numero più alto di cittadini in difficoltà».

Così ebbe a parlare Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’ANCI, a proposito di criteri di ripartizione dello stanziamento annunciato dal governo nella giornata di sabato scorso.
Al che una persona di buon senso potrebbe pensare che tra i criteri individuati ve ne possa essere almeno uno che tenga conto dell’impatto dell’emergenza “coronavirus” sui territori, in termini di contagiati e vittime. Nulla di tutto ciò, tranne che per i 10 comuni del lodigiano oggetto della prima “zona rossa”.

Quali siano tali “criteri” è scritto nel documenti di Palazzo Chigi che riporta anche i risultati della ripartizione; in breve 320 milioni sono divisi sulla base della popolazione residente in ciascun comune ed i rimanenti 80 milioni sulla base di “indicatori” quali il reddito dichiarato.

Tradotto, chi più lavora e paga tasse meno riceve, mentre chi lavora in nero ed evade il fisco si vede arrivare cifre maggiori.
Alcuni esempi di facili di comprendere, non per tutti purtroppo, possono essere fatti comparando un paio di comuni lombardi spesso citati nelle cronache di queste settimane con loro “omologhi” in termini di popolazione residente ma situati in altre regioni.

Eccoli:
Alzano Lombardo 72.000 dei 320 milioni e ZERO degli 80 milioni contro i 120.000 (72.000 + 48.000) di Montesarchio (BN).
Crema 183.000 (di cui ZERO degli 80 milioni) contro i 330.000 (185.000 + 145.000) di Somma Vesuviana (NA).

Nulla di nuovo rispetto alla secolare tradizione italica, nonché nulla di strano nel momento in cui ministri della repubblica dichiarano di volersi prendere cura di chi lavora in nero, come i posteggiatori abusivi di Napoli, tanto per fare un esempio.
Ennesima “prova” di come il virus “italia” sia sempre altamente nocivo per i territori della valle del Po, da debellare quanto prima.