FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Approfondimento Politico

Lombardia inrabida

Come ultimo atto di un governo morente, privo di ogni legittimità innanzi ai cittadini, che si sbatte come un tonno appena pescato alla disperata ricerca di acqua, veniamo ingiustamente dichiarati zona rossa.

L’identità lombarda sarà forse debole su tante cose ma, per fortuna, se per la quarta volta ci dicono di non lavorare, senza neppure una valida ragione, ci incazziamo.

Ma per un governo che palesemente ritiene che il virus sia il lavoro e non il COVID-19, è anche comprensibile.

Basta andare a leggere le reazioni dei lombardi, però, per capire che la questione ormai non è sulle linee partitiche ma è sentita da tutti. Sentire persone normali, commentatori anonimi parlare di “oppressione di Roma”, fa capire che la dipartita della Lega Lombarda ha lasciato uno spazio vuoto nella politica lombarda.

Sia un monito per il centrosinistra: non si vince senza questo spazio. Agire come negazione totale di ciò che dice il centrodestra funziona quando il centrodestra è l’unica forza che può vincere, quando si vuole vincere veramente bisogna intercettare i sentimenti dei lombardi e, ad oggi, tra una giunta che fa acqua e un governo che li ammazza preferiscono la prima. Fare, mi si permetta, le puttanelle di Roma solo perché si condivide la tessera di partito è un ottimo modo per regalare un’altra elezione alla Lega Salvini.

Ma torniamo a noi: questa rabbia superpartes sicuramente non interesserà a Roma, non gli interessa distruggere l’economia italiana, figuriamoci il nostro malcontento.

Però ricorda a tutti una cosa: esistiamo e non tolleriamo ogni sopruso che passi nella mente della classe politica italiana, ormai asservita a un bieco neoborbonicismo pseudocolto, fondato su di un’idea malata di solidarietà per cui “c’è sempre qualcuno più a Nord a pagare”.

Che il governo abbia esagerato e che questo quarto lockdown sia l’inizio di qualcosa? Chi lo sa… Vedere la Lombardia inrabiada fa ben sperare.

Avatar
Informatico di giorno, spietato liberista che brama la secessione del Nord di notte. Con la libera circolazione, dato che amo la pizza.