FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Approfondimento Politico

Federalismo, zero-Covid e aperture: la Germania di oggi è quella della prima ondata?

Tra aprile e maggio tutti lodavamo la Germania e la sua risposta, leggera e funzionante, basata sui crudi numeri, con ospedali che reggevano e misure localizzate.

Anche dopo, per mesi, la Germania è rimasta il benchmark per le misure anti-Covid in Europa.

Però, poi, a novembre è cambiato qualcosa. Per avermi fornito una dinamica completa ringrazio F.B, un ragazzo residente in Germania, ogni errore residuo è colpa mia.

La Germania ha indetto un “soft-lockdown”, essenzialmente chiudendo solo i ristoranti. Fin qui, poco male direte, ma già si notavano i primi segni di “perdita di senno”: la Merkel dei numeri abbandona tale approccio e inizia a parlare più per sentimento.

Impazzimento generale? Più probabile che c’entrino le primarie della CDU: infatti la corrente “bavarese” è decisamente lockdownista, basti sapere che il primo Stato (tra i pochi, comunque) della Germania ad applicare un lockdown duro fu proprio la Baviera, il cui Primo Ministro si immaginava molto vicino a Bergamo, in termini di diffusione della pandemia.

Le varie dinamiche interne alla CDU hanno portato questa corrente ad avere sempre più potere così, a dicembre, il blocco viene indurito chiudendo anche i negozi ritenuti non essenziali.

Una cosa importante da notare, tra l’altro, è che la CSU (i bavaresi, per chi non lo sapesse) non esprime un cancelliere da prima dell’Unificazione, pur avendo espresso qualche candidato poi sconfitto alle urne, e che quindi la componente bavarese è molto interessata ad imporsi, sfruttando il vuoto causato dal ritiro della Merkel, per ottenere finalmente la cancelleria.

A gennaio, misure poi parzialmente revocate dalla magistratura (si veda qui e qui) in quanto ritenute irragionevoli, vengono introdotti anche dei limiti allo spostamento nelle zone più colpite, tra l’altro criticate dai medici che temevano un “effetto lazzaretto”.

A febbraio, poi, la speranzata: la soglia di guardia viene abbassata – sempre sotto pressione bavarese – da 50 casi su 100’000 abitanti a 35. Addirittura, in alcune città, non si vuole riaprire prima di arrivare a DIECI casi su 100’000 abitanti. La strategia si fa sempre più chiara: zero-covid.

In sostanza, non si chiude per non avere gli ospedali pieni o riportare l’infezione sotto il tracciamento: si chiude per azzerare virtualmente il covid. Il tutto mentre, a differenza di marzo, non arrivano nemmeno i ristori.

Se vi sembra abbastanza improbabile che un Paese ben connesso e con numerose frontiere terrestri possa mantenere uno zero covid, non siete i soli: ad oggi tra i Paesi industrializzati solo l’Isola di Man e la Nuova Zelanda ce l’hanno fatta e l’assenza di focolai è durata anche poco.

Sono, ovviamente, entrambe isole, senza enormi flussi migratori e nonostante ciò, com’è successo in Nuova Zelanda, quando arrivano dei casi nuovi bisogna effettuare dei blocchi chirurgici per mantenere la strategia.

In Italia, in estate, eravamo arrivati quasi a zero covid, ricorderete bene che facevano notizia gli aumenti di morti da 3 a 5. Eppure ci è voluto poco perché la pandemia tornasse a correre.

Tuttavia l’entusiasmo chiusurista è durato poco: da domani, infatti, iniziano le riaperture, scaglionate per Stato: qui potete leggere una panoramica.

Ricordiamoci che in Germania vige il federalismo, quindi le decisioni debbono essere prese principalmente a livello locale: sino ad oggi si era optato per misure decise insieme in tutta la federazione, mentre questa volta i Laender hanno deciso di aprire e, a differenza dell’Italia dove basterebbe un cenno di Speranza per un lockdown totale, il governo centrale ha poche armi per opporsi.

Non tutti, però: ad esempio restano fans del modello zero-Covid il presidente del Baden-Württemberg e il sindaco di Amburgo, dove anche i fiorai resteranno chiusi per il tumore del contagio. Alla fine, grazie al federalismo, potremmo vedere se avranno ragione quelli che vogliono aprire o quelli che vogliono attendere.

L’osservazione della Germania, comunque, si rivela interessante per numerose ragioni: ci mostra come il federalismo dia forza – e non la tolga – nelle situazioni emergenziali e come l’abbandono della razionalità permetta di passare da modello per tutti a modello solo per chi vuole, a prescindere, chiusure in poco tempo, una cosa che dovrebbe preoccupare ogni cittadino che dovrebbe premere perché l’analisi dei dati e della situazione generale, non il buon sentimento, resti maestra nel decidere come agire.

Avatar
Informatico di giorno, spietato liberista che brama la secessione del Nord di notte. Con la libera circolazione, dato che amo la pizza.