FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Approfondimento Politico

“Bottesini esca di lì, Maiorca le vuole solo parlare!”

“Bottesini esca di lì, Maiorca le vuole solo parlare!”.

Questa frase semplice da decenni suscita in me assoluta ilarità. Ero un bambino la prima volta che l’ho sentita in tv.

Avevo 6 anni e come tutti i bambini (e non solo) dell’epoca quel 22 settembre 1974 ero incollato davanti ad uno schermo televisivo in bianco e nero, in attesa del grande evento.

E grande evento fu! O meglio, non fu record del mondo di apnea ma stabili’ comunque un primato per la bacchettona rete ammiraglia dell’epoca: la prima bestemmia in tv e addirittura in diretta  Rai!

Una vicenda a tratti surreale, divertentissima che mi è capitato di citare più volte in tutti questi anni come un esempio straordinario di quanto un uomo goffo con un gesto altrettanto goffo possa cambiare la storia.

Resta il fatto che quel giorno Enzo Maiorca (che all’epoca era una vera celebrità televisiva, tanto da meritarsi la diretta per il proprio epico tentativo), in una grigia giornata d’inizio autunno nella baia di Ierano, amena località della costa sorrentina, tentava di rompere il muro dei 90 metri in apnea con conseguente record mondiale in assetto variabile. 

Era l’ennesima puntata della sfida continua con l’avversario di sempre, il francese Jacques Mayol. Uno di quegli  eventi talmente sentiti che la Rai scelse di trasmetterlo in diretta appunto  (cosa assolutamente inconsueta, all’epoca si faceva ricorso alla diretta molto di rado).

Paolo Valenti storica voce dello sport sulla prima rete fu chiamato a fungere  da telecronista ignaro di quello che sarebbe accaduto da Li a A poco.  Con lui uno straordinario sforzo organizzativo e tanti collaboratori far i quali addirittura dei giornalisti esperti subacquei perché non si perdesse nemmeno un frammento dello straordinario sforzo umano e sportivo di Maiorca. 

Quel giorno tutto il paese si fermò per assistere con apprensione a tutto ciò. I lunghi preliminari a tratti  sembrarono infiniti. Maiorca era stranamente nervoso e la fase di iperventilazione fu accompagnata da alcuni inconvenienti tecnici imprevisti. Ma il campione ad un certo punto si sente pronto ed inizia ad immergersi agganciato ad un cavo con la zavorra. Ci siamo: tutti in piedi!
Ma da lì in poi  lo spettacolo cambia copione repentinamente e soprattutto cambia il protagonista: Enzo Bottesini. Un giornalista genovese  laureato in scienze politiche, divenuto alquanto noto in qualità di concorrente a rischiatutto (l’iconico quiz televisivo condotto da Mike Bongiorno) era stato assoldato in qualità di commentatore subacqueo. In questo ruolo riuscì nell’impresa di non allontanarsi per tempo dal cavo e Maiorca andò a sbattere contro le bombole che indossava e interrompendo bruscamente il tentativo di record del mondo.


Quando si parla del cosiddetto “bello della diretta “ immagino si faccia riferimento a quanto accaduto negli istanti successivi.
Un Maiorca risalito inferocito, appena riemerso si abbandonò ad un campionario di invettive e bestemmie degne della peggior osteria di Siracusa. Il tutto in favor di telecamere in diretta sulla cattolicissima e democristianissima prima rete Rai dell’epoca. Ricordo che mi brillarono gli occhi. Già da piccolo amavo le iperbole e le trasgressioni verbali e questa volta la tv si era superato. Letteralmente il gentleman siculo esclamò inviperito: “Voglio sapere chi è quel coglione di merda? ditemi chi e’, non si scherza con la vita della gente voglio il nome di quel coglione di merda! Dio...”. 


Oggi la comunicazione è molto cambiata e si fa fatica ad immaginare l’imbarazzo ai limiti dello choc che emergeva da alcuni balbettii dello sventurato Paolo Valenti che non sapeva più che pesci pigliare. Ma in tutto ciò per quanto mi riguarda quel giorno era nata una stella. Una specie di eroe a propria insaputa. Un giornalista imbranato vestito da sommozzatore aveva involontariamente sdoganato la parolaccia in tv. Un fatto destinato appunto a passare alla storia.


Ho sempre avuto una certa simpatia per i personaggi di questo tipo. E anche in quella circostanza in fin  dei conti ho tifato per lui, soprattutto quando preso dal panico scelse di rimanere sott’acqua. Temeva le conseguenze della propria riemersione. Restava sott’acqua nonostante tutto. Aveva capito di averla fatta grossa e a nulla valsero i tentativi surreali di uno speaker dell’organizzazione che con un megafono in mano urlava all’uomo in immersione : “Bottesini esca di lì, Maiorca le vuole solo parlare!”. Già pareva volesse solo parlargli, ma Bottesini non si fido’ e faceva bene secondo me.
La Rai nei giorni successivi decise di espellere Maiorca per due anni dalla rete.
Ma Bottesini era diventato famoso. Talmente famoso anche per aver dato vita ad uno dei siparietti televisivi figli delle famigerate gaffe di Mike Bongiorno che faceva più o meno così :
“Signor Bottesini, mi dicono che lei è un subacqueo bravissimo?” Risponde il sempre pronto Bottesini: “Grazie signor Mike, ma so che anche lei è un ottimo sub” e Bongiorno si supera:“No, no, sono solo un subnormale”.


Ecco tanta normalità mista a goffaggine e situazioni esilaranti ritengo facciano di questa storia una pietra miliare della comunicazione del secolo scorso. Sogno di incontrare Bottesini un giorno e di farmi raccontare da lui di un episodio che ancora dopo più di 40 anni resta uno dei più divertenti della televisione di stato.

Imprenditore, classe 1968. Per 25 anni impegnato a vari livelli in politica sempre nelle fila della Lega Nord. Dal 1993 al 2002 è sindaco di Pomponesco (Mantova), nel 1996 entra a far parte del Direttivo regionale dell’Anci Lombardia. Nel biennio 1996-1997 Fava è presidente del Consorzio per la depurazione idrica casalasco-viadanese. Per molti anni e’ stato membro elettivo di Upl (Unione provincie lombarde). Dal 2002 al 2007 consigliere comunale a Pomponesco e dal 2009 al 2014 consigliere comunale a Sabbioneta. Dal 2015 al 2018 è stato consigliere comunale a Viadana (città dove attualmente vive). Dal 1997 al 2012 è stato consigliere della Provincia di Mantova e deputato al Parlamento in tre Legislature. Nella XV Legislatura è stato membro della Commissione Attività produttive; nella XVI è stato membro delle Commissioni Difesa, Attività produttive, Politiche dell’Unione europea, Affari sociali e della Commissione Bicamerale d’Inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, nonchè Presidente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sulla Contraffazione. Nella XVII eletto di nuovo alla camera dei deputati ha rassegnato le dimissioni nel maggio 2013 per entrare a far parte della giunta regionale della Lombardia con Presidente Roberto Maroni come assessore all'agricoltura. Appassionato di politica, economia e di sport nel novembre 2018 ha scelto di abbandonare le cariche elettive e la politica attiva in campo istituzionale per dedicarsi alla propria attività imprenditoriale a tempo pieno.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi