FEDERALISMO & INDIPENDENZA | Approfondimento Politico

Quim Torra alla Corte Suprema di Madrid: “Non sarò io a indire irresponsabilmente le elezioni catalane”

Totale fermezza da parte del presidente della Catalogna, Quim Torra, dopo l’udienza tenutasi questo giovedì alla Corte Suprema di Madrid. “Non sarò io a guidare il Paese in una corsa elettorale irresponsabile che paralizzerebbe l’amministrazione catalana”, ha annunciato dalla delegazione del governo catalano a Madrid, a seguito delle richieste di ieri di quasi tutti i partiti spagnoli per le elezioni al parlamento catalano.

“Sono venuto a Madrid per guardare negli occhi il tribunale che vuole far cadere un altro presidente del governo della Catalogna. Sono venuto a Madrid per spiegare loro che non hanno il diritto o la giustificazione per farlo e che lo siamo non hanno paura di loro. Sono venuto a Madrid per ricordare loro che la nostra causa ha una lunga storia e continuerà fino alla fine: una Repubblica libera e giusta per tutti i catalani”, ha affermato dopo l’udienza di appello, incentrata sull’opportunità o meno squalificarlo dall’incarico per aver appeso uno striscione sul palazzo del governo catalano nel 2019. La decisione del tribunale è attesa tra circa due settimane.

Tuttavia, Torra ha ammesso che non avrebbe “mai” posto un “ostacolo a nulla”. “Ho accettato la carica di presidente per servire il mio paese in un momento molto difficile. Non ho ambizioni personali che potrebbero intralciare il progetto ampio e collettivo per raggiungere l’indipendenza”, ha dichiarato. Il presidente catalano ha affermato che “la battaglia contro Covid” è la sua “unica preoccupazione”.

Il presidente ha voluto chiarire che l’udienza odierna non riguarda una punizione contro di lui per uno striscione, “è una punizione per un intero Paese nel mezzo di una pandemia”. “È così che dimostrano il loro amore per la Catalogna, che vogliono rendere schiava, insieme alla sua gente”, ha aggiunto, avvertendo che continuerà a lavorare “fino all’ultimo” fino all’entrata in vigore della sua squalifica.

La sfida per la Spagna
Torra ha anche lanciato una sfida alla Spagna: “L’atteggiamento dimostrato dallo Stato spagnolo nei confronti del movimento indipendentista catalano nei prossimi mesi getterà le basi morali ed etiche per il suo futuro. Senza una rettifica ferma e urgente, la Spagna suggellerà il suo fallimento. come uno stato europeo moderno”, ha avvertito.

Il leader del governo catalano aveva anche messaggi per il popolo catalano: “Non aspetteremo il cambiamento nello stato spagnolo per esercitare il nostro diritto inalienabile. Se la maggioranza dei catalani desidera costruire una Repubblica libera, questa espressione pacifica e democratica prospererà. Non ne dubito per un momento”, ha detto.

“Che bugia”
“Che bugia.” Così Torra ha definito lo slogan unionista che in Spagna “si potrebbe discutere ogni progetto democratico e pacifico”. Ha consegnato una lunga lista di azioni che, ha detto, hanno dimostrato che questa affermazione spagnola è falsa: la persecuzione del presidente Carles Puigdemont, la negazione del seggio al Parlamento europeo vinto dal vicepresidente catalano Oriol Junqueras, gli esiliati, i prigionieri politici e la protezione. di “un criminale franchista come Martín Villa”, tra gli altri.

“Questo è lo Stato spagnolo ed è così che ci incanta a rimanere in rapporti amichevoli. Uno Stato incapace di riformare o essere riformato in alcun modo. Uno Stato che ribalta la legislazione sociale ogni volta che viene approvata dal Parlamento della Catalogna”, ha denunciato.